L’artista ha deciso di condividere i propri brani anche sulle altre piattaforme di musica in streaming.

Dopo quasi due anni Apple Music perde le esclusive dell’artista Taylor Swift. Presto i suoi brani verranno condivisi anche su numerosi altri servizi concorrenti.

Spesso sulle nostre pagine vi abbiamo segnalato l’uscita di qualche brano dell’artista in esclusiva per Apple Music. Dal 2014 Taylor Swift ha deciso di bloccare la riproduzione dei propri brani su Spotify ed altri servizi, perché permettevano il loro ascolto anche agli utenti non paganti. Apple Music è un servizio a pagamento, quindi molto affidabile dal punto di vista dei profitti degli artisti. Spotify negli ultimi anni ha cambiato alcune delle loro politiche, assicurando un guadagno superiore per gli artisti. Anche gli utenti non paganti andranno infatti a contribuire ai ricavi degli artisti, con una media di 0.001128 dollari per ascolto.

Forse sono stati questi cambiamenti a far portare i brani di Taylor Swift sulle piattaforme concorrenti. Più precisamente, presto le sue canzoni saranno disponibili su Spotify, Amazon Music, Tidal e Pandora Premium.

Via | 9to5mac

L’articolo I brani di Taylor Swift non saranno più un esclusiva di Apple Music proviene da iSpazio.

Annunci