Ancora sul palco Craig Federighi per annunciare, come previsto, iOS 11, il nuovo sistema operativo per dispositivi mobili di Apple.

Partiamo dai messaggi che saranno sincronizzati con iCloud così che tutte le conversazioni appariranno su tutti i dispositivi, sempre aggiornate.

Apple Pay, che ha da poco raggiunto anche l’Italia, potrà essere utilizzato con i POS, con le app ed ora permette anche l’invio di denaro tra utenti, tutto integrato in iMessage.

Basterà scegliere il contatto, l’importo e l’invio della somma stabilità avverrà con un semplice SMS.

Nuova interfaccia grafica per Siri e, con il deep learning, anche una nuova voce. Una domanda formulata a Siri in una lingua potrà prevedere una risposta nella stessa lingua grazie al traduttore integrato che comprende anche l’italiano.

Grazie ad una nuova intelligenza, Siri non solo potrà rispondere a quello che chiediamo ma anche prevedere quello che chiederemo appena dopo e imparerà dal nostro utilizzo del dispositivo in base ai nostri tap.

Per quanto riguarda la fotocamera, il nuovo codec HEVC migliora la compressione di 2 volte risparmiando spazio sul dispositivo. Le immagini ridotte del 50% in termini di MB avranno la stessa qualità di prima.

Anche l’app Foto viene migliorata come per MacOS High Sierra e con il machine learning riconoscerà meglio i volti durante la ricerca di immagini.

Ridisegnato il Control Center che con il dispositivo bloccato sarà tutto in un’unica schermata. Sfruttando il 3D Touch si potranno espandere le voci.

Nella sezione riguardante le connessioni è stata inserito anche il controllo dei Dati Cellulare.

Su iOS 11 Lockscreen e Notification Center sono sostanzialmente fusi, molto simile a prima ma facendo scorrere il dito verso il basso appariranno le notifiche recenti, facendo scorrere il dito verso l’alto si potranno visualizzare le notifiche più vecchie.

La sezione Ricordi di Foto con iOS 11 riconosce l’orientamento del dispositivo e adatta i contenuti allo schermo perché risultino sempre a pieno schermo.

La nuova intelligenza di Siri arriva anche nelle applicazioni. Per esempio, in un messaggio in cui si parla di denaro, la tastiera predittiva mostrerà l’accesso rapido ad Apple Pay per inviare soldi.

Migliorate anche le funzioni di Mappe che ora aggiungono la navigazione, per alcune città, all’interno degli edifici ed Apple inserirà anche la navigazione negli aeroporti. Mappe si migliora anche come supporto alla navigazione, indicando la corsia su cui viaggiare o l’uscita da imboccare in autostrada.

In Car Play viene introdotta la funzione “Non disturbare mentre guido” che grazie a Bluetooth, Wifi e Giroscopio quando si è alla guida il telefono risulta praticamente spento con la schermata nera per evitare ogni distrazione durante la guida.

Sul fronte HomeKit, iOS 11 aggiunge il supporto agli speaker HomeKit e al multiroom. Si potrà quindi decidere se riprodurre una canzone su tutte le casse di casa collegate o solo su una tra quelle disponibili.

Apple Music raggiunge i 27 milioni abbonati al servizio musicale di Cupertino. Ora nell’applicazione vengono inseriti anche gli amici, permettendo di visualizzare gli ultimi titoli ascoltati e condividere le proprie preferenze.

Per iOS 11 anche l’app store, dopo 9 anni, è stato completamente ridisegnato e ne parliamo qui.

Machine Learning è previsto anche per iOS 11 con nuove API a disposizione degli sviluppatori per le applicazioni di terze parti.

Una Visual API è dedicata per il riconoscimenti dei volti mentre la Language API è destinata a riconoscere le parole. Tutte le traduzioni dei dati avvengono sul dispositivo, senza passare da alcun server per assicurare la privacy degli utenti.

Il nuovo iOS 11 avrà anche altre novità minori che scopriremo al momento del rilascio. In teoria la versione per gli sviluppatori dovrebbe essere rilasciata oggi mentre quella pubblica potrebbe essere rilasciata al momento delle vendite di iPhone 8.

L’articolo WWDC 2017: Apple annuncia iOS 11 per iPhone e iPad proviene da iSpazio.

Annunci