Le cuffie esplose in aereo erano di Apple ma, dal momento che il problema è sorto a causa delle batterie di terze parti, l’azienda non risarcirà la vittima.

Vi ricordate il caso degli auricolari bluetooth esplosi in aereo? Si è venuto a sapere che si trattava di auricolari Apple ma con batterie di terze parti.

auricolari apple

L’episodio è avvenuto a febbraio dell’anno scorso su un volo Pechino-Melbourne. Una donna è stata bruscamente svegliata dall’esplosione degli auricolari bluetooth che indossava.

Il suo volto ha subìto leggere ustioni ed è dovuto intervenire il personale di bordo a spegnere le fiamme scaturite dalla batteria degli auricolari.

Per circa un anno la marca e modello degli auricolari è rimasto avvolto nel mistero. Solo ora si scopre che fossero di Apple, molto probabilmente il modello Beats.

L’azienda di Cupertino però ha preso immediatamente le distanze. Il problema non è derivato dagli auricolari ma dalle batterie.

La donna aveva chiesto di essere rimborsata per il valore delle cuffie e per i vestiti rovinati dall’esplosione ma un rappresentante aziendale ha escluso questa possibilità.

Comprensibile la delusione della donna:

Le cuffie non funzionano senza batterie. Da nessuna parte, né sulle cuffie né sulla confezione è riportato quale marca di batterie utilizzare.

Apple ha dichiarato che, non essendo il danno causato da un malfunzionamento dell’apparecchio, non è tenuta a pagare alcun tipo di risarcimento.

Via | AppleInsider

 

L’articolo Le cuffie esplose in aereo erano di Apple ma con batterie di terze parti e l’azienda prende le distanze proviene da iSpazio.

Annunci