Dopo il blackout di WhatsApp, che alcuni giorni fa ha smesso di funzionare per alcune ore, SosTariffe.it ha confrontato i consumi delle principali app di messaggistica, scoprendo quali sono quelle che consumano meno dati.

I risultati parlano chiaro: Telegram è tra le app che consumano meno traffico dati, mentre Skype e Facebook Messenger sono quelle più dispendiose in termini di MB consumati. Il confronto ha preso in esame WhatsApp, Telegram, Hangouts, Line, Viber, Facebook Messenger e Skype. Per calcolare il consumo di ogni app, SosTariffe.it ha effettuato una prova per 1 ora di utilizzo, su smartphone e su rete dati 4G/LTE, simulando tre profili di consumo:

  • Consumo light: 20 messaggi inviati, 20 ricevuti, 5 foto ricevute e 2 inviate;
  • Consumo medium: 40 messaggi inviati, 40 ricevuti, 10 foto ricevute e 5 inviate;
  • Consumo strong: 100 messaggi inviati, 100 messaggi ricevuti, 50 foto ricevute e 20 inviate.

Ecco i risultati per ogni profilo:

Dalla tabella si nota che Telegram è l’unica app meno dispendiosa di WhatsApp, con un dato dal 35% al 40% in meno rispetto all’app di Facebook e con un consumo da 0,42 MB a 3,75 MB per 1 ora di utilizzo.

Tutte le altre applicazioni analizzate risultano più pesanti di WhatsApp, che ha un consumo che va da 0,65 MB a 6,23 MB all’ora, in base al profilo analizzato.

Hangouts e Line si avvicinano ai WhatsApp in termini di consumi: con queste due applicazioni, infatti, si consumano dal 6% al 18% in più rispetto a WhatsApp. Per il profilo strong, Line risulta la più conveniente in termini di consumo, con il 6% in meno rispetto a WhatsApp.

Viber, Facebook Messenger e Skype risultano avere consumi molto più alti rispetto a WhatsApp. Viber, ad esempio, consuma più del doppio: per 1 ora di utilizzo si consumano da 1,56 MB a 15,26 MB. Per Facebook Messenger e Skype i consumi salgono e vanno dai 2,05 MB ai 22,22 MB.

E voi, quale app utilizzate di più?

Link all’articolo originale: Ecco le alternative a WhatsApp che consumano meno traffico dati

Annunci