Con Apple che sta pensando di crearsi in casa sempre più componenti da utilizzare su iPhone e iPad, ci sono sempre più fornitori che tremano all’idea di perdere questo grande cliente. Il motivo? Per molte di queste aziende, queste forniture rappresentano oltre la metà del fatturato.

Di recente, la Imagination Technologies ha fatto sapere che entro due anni non fornirà più le GPU ad Apple, visto che l’azienda sta pensando di crearsele in casa come già avviene con i processori. Questa notizia ha fatto crollare le azioni della Imagination di quasi il 70%, riducendo di centinaia di milioni di dollari la sua valutazione di mercato.

Ecco perchè anche altri fornitori stanno vivendo l’incubo di essere abbandonati da Apple: i ricavi di 6 tra i principali fornitori, infatti, dipendono oltre per la metà dall’azienda di Cupertino. E, oltre ai fornitori, ci sono anche sviluppatori come Glu Mobile che dipendono quasi totalmente da Apple.

Dal grafico di può notare come la Dialog Semiconductor, fornitore dei chip di alimentazione della batteria, riceve da Apple il 76% di tutti i propri ricavi. E proprio nei giorni scorsi, un rumor parlava di Apple interessata a crearsi internamente anche questo componente. Nel grafico notiamo poi la presenza di:

  • Cirrus Logic (chip audio): 66% dei ricavi dipendono da Apple
  • Foxconn (assemblaggio): 54% dei ricavi dipendono da Apple
  • Japan Display (pannelli per lo schermo: 54% dei ricavi dipendono da Apple
  • Glu Mobile (giochi mobile): 53% dei ricavi dipendono da Apple
  • Imagination Technologies (GPU): 48% dei ricavi dipendono da Apple

Insomma, per molte aziende Apple fa il buono e il cattivo tempo. Cambi strategici da Cupertino potrebbero portare sull’orlo del fallimento.

 

Link all’articolo originale: I sei fornitori che dipendono quasi totalmente da Apple

Advertisements