Nonostante un costo di produzione più alto, e i vari report che parlano di un iPhone 8 da 1.000$ in su, l’analista Steven Milunovich della UBS ritiene che i prezzi del prossimo smartphone Apple partiranno invece da 850$, poco in più rispetto al previsto iPhone 7s e al Galaxy S8 di Samsung.

Secondo l’analista della UBS, l’iPhone 8 non costerà 1.000$ ma molto meno, con prezzi che dovrebbero partire da 850$, circa 200$ in più rispetto all’attuale iPhone 7 da 32GB e 80$ in più rispetto al 7 Plus da 32GB.

Milunovich spiega che Apple è consapevole del fatto che, facendo partire i prezzi da 1.000$, ostacolerebbe la diffusione del nuovo iPhone, visto che in pochi sono disposti a spendere tanto per uno smartphone pur di alta gamma. I nuovi iPhone 7s e 7s Plus, invece, dovrebbero costare circa 100$ in meno rispetto agli attuali modelli. Grazie a questa mossa, Apple potrebbe aumentare la propria presenza nei mercati cinese e indiano, diventati ormai fondamentali per far crescere la quota di mercato degli iPhone.

Grazie a questa strategia di prezzi, l’analista ritiene che il 45% degli iPhone venduti tra il 2017 e la fine del 2018 saranno iPhone 8, così da permettere ad Apple di aumentare anche il prezzo medio di vendita dei suoi smartphone da 667$ a 692$, con un margine lordo invariato e pari al 38,5%.

 

Link all’articolo originale: L’iPhone 8? Potrebbe costare meno del previsto…

Advertisements